L’identità dei fatti


Prosegue il tema dell’identità che avevo iniziato qui e qui. Mi piace molto, credo che continuerò.

Circostanza numero 1: la mia patente
Oggi alle 4 di pomeriggio presa dal sacro fuoco dell’ordine compulsivo ossessivo della borsa, mi sono accorta che la mia patente è scaduta. Da tre mesi. Non ho la carta d’identità, e i miei più assidui fan sanno che l’ho persa, ma per tre lunghi mesi ho puntato tutto su un documento dichiaratamente non più valido. Mi sono seduta al tavolo verde per 90 lunghi giorni, pensando di avere un amuleto invincibile in tasca, ho tirato i dadi spavalda e invece non avevo un cazzo. E ho guidato per tre mesi rischiando la multa. Che non è solo una questione economica e di amor proprio. È un andare contro la legge e anche la giustizia. A delle regole scritte non scritte che non posso fare a meno di non seguire, per carattere, per coscienza, per integrità morale. Che poi tutto questo essere ligia nei confronti della legge, svacca senza ritegno in altri ambiti. Chissà perché, curioso l’essere umano.

Circostanza numero 2: la tua carta d’identità
Anche tu non ce l’hai più. Anche tu l’hai persa, abbandonata, lasciata chissà dove. Forse è scappata e si è rifugiata sotto un ponte, con la luna metallo, che ci illumina al buio. Io non capisco se davvero siamo così simili come mi pare, o se è solo una fantasia, una volontà che non esiste, un desiderio di assonanza, il mio spirito di unione, che giustifica e mi rassicura, ma che a degli occhi attenti e razionali sembra solo un bluff, un grosso equivoco su cui mi piace trastullarmi, amabilmente. Chissà.

Conseguenze alla circostanza numero 1: i testimoni
Mi è rimasto il passaporto, ma se decidessi di bruciarlo, sarei completamente priva d’identità. Del tipo che per dimostrare la mia esistenza nel mondo dovrei procacciarmi due testimoni, disponibili a dichiarare, sotto giuramento, che io esisto, non sono un fantasma, uno spirito che aleggia nell’aria, che un giorno si manifesta qui, un giorno è dall’altra parte del globo. Magari!

Conseguenze alla circostanza numero 2: mi scopro romantica e non è un bene
Io sono quasi sicura che i nostri documenti siano insieme, così come le nostre identità. Sono lì accoccolati, che rollano una canna e si fanno due risate, mentre ci osservano da lontano, che fatichiamo, ci consumiamo su inutili problemi esistenziali. Che ogni tanto ci lasciamo andare, che spesso facciamo i sostenuti, che qualche volta facciamo e anche spariamo cazzate, che molto spesso vorremmo essere altrove, anche quando ci stiamo divertendo. Perché noi siamo così: non siamo mai soddisfatti, la completezza non c’è mai, c’è sempre ricerca, tensione, inquietudine. Perché?

Annunci

67 pensieri su “L’identità dei fatti

  1. Io sto girando con una patente rinnovata con l`adesivo (credo l`ultima in Italia rinnovata con l`adesivo perché dal giorno dopo è entrata in vigore la sostituzione) da cui piano piano l`inchiostro sta svanendo. La cosa inquietante è che le cifre non si stanno scolorendo in maniera uniforme, ma consequenziale: cioè è partito da un lembo e man mano sta investendo il resto. Secondo me deve essere una cosa alla Dorian Gray: svanisce qualcosa dentro di me e la patente a sua volta perde visibilità. Ma cos`é che starei perdendo che poi non perdo? La giovinezza? A me in effetti danno sempre meno anni di quelli che ho.

    Liked by 1 persona

    1. Questo è un altro bello spunto sul tema. Anche a me danno mano anni di quello che, una volta mi incazzavo di brutto, mo tirò su la coda da pavone. Che inversione di tendenza, maledizione!

      Mi piace

  2. smadonno

    Tra le vaccate fatte nella mia vita vanto anche la scoperta che il passaporto sarebbe scaduto il giorno dopo anche al gate di una partenza per le Americhe con la mia allora diletta che decise di insultarmi in diretta internazionale usando il satellite per le repliche. Non ho mai capito perchè non fosse sportiva. Tutto questo per dire non so cosa. Ma che vuoi la paranoia senile produce questi effetti scusa.

    Liked by 1 persona

  3. Sono molto indisciplinato e osservo solo deterimate leggi e regole. Ciò non toglie che tenga molto ai miei documenti, almeno alle foto che mi rappresentano sui documenti. Il piú delle volte i miei documenti cartacei si sfaldano, si sfibrano, si sbriciolano col tempo, ma la foto no, la foto cerco sempre di conservarla, per vedere come fossi un mese prima, un anno prima, dieci anni prima.
    E per cercare di riprodurre la stessa faccia che ho fatto durante la foto, alla guardia che mi chiede i documenti. Anche perché sono ovviamente ogni volta diversissimo dalla foto.

    Liked by 1 persona

  4. Probabilmente sono in fase maniaco-depressiva, ma l’immagine dei testimoni di identità mi ha fatto pensare che devo lasciare a qualcuno i codici del cellulare privato, in modo che possa chiamare tutti per dire che non sono uno stronzo che è sparito nel nulla, ma che sono solo morto

    Liked by 1 persona

  5. Quando ho deciso di morire
    per ben
    due
    volte
    il mio corpo ha resistito.
    E ogni giorno campo
    insoddisfatto.
    Non sei l’unica e la sola.
    Te sei
    come me.
    Sei fragile come la luna
    di notte.
    Ti nascondi
    dietro altre immagini.
    Ti bacio,

    Nyno.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...