Per fortuna non è sempre N.

 mango 
I post di Natale su di me hanno effetto lassativo, anzi le foto, anzi i regali, anzi, è proprio il Natale che mi attira brutti pensieri e repulsioni.

Non me ne vogliate, lo dico in generale, non lo dico in particolare e, sì, sicuro ho avuto traumi da bambina, no diciamo pseudo adolescente, per cui mi porto appresso un no a tutto campo con ciò che è luccicante, bianco, rosso e verdone dorato.

Quella cosa che bisogna essere tutti felici, la corsa obbligata ai regali, le decorazioni nei supermercati da novembre, le vetrine luccicose, le luminarie per le strade dal 31 ottobre, io per prima che devo organizzare la festa di Natale non per diletto, ecco mi fa vomitare. L’ho detto, ora sto male uguale, ma l’ho messo nero su bianco ed è sempre parecchio liberatorio.

Mi mette ansia, mi agita, avrei bisogno di farmi prescrivere dall’amico psichiatra pastigliette antinatalizie, da buttare giù con il bicchiere d’acqua e il bicchiere di whisky, solo un dito.

Che poi davvero potrei far finta di nulla, ma proprio non è possibile, ovunque ti giri vedi N. (non lo cito più, ecchecazzo!), giorni e giorni prima, lo chiamano avvento, per me è pura passione, nel senso catto-negativo del termine, of course.

Ho provato ad autoanalizzarmi e la risposta è facile, facile servita sul vassoio, distesa sul lettino del medico strizzacervelli. È tutto legato alla migliore gioventù quando noi si aspettava il bambin Gesù e mio padre si incazzava e manco scendeva dal letto. E poi ad un’altra serie di episodi che non tiro fuori, perché il vaso di Pandora è nascosto sotto il letto, chiuso alla bell’e meglio, col nastro di scotch tirato male e i punti della pinzatrice ormai arrugginiti e non è cosa scoperchiarlo proprio ora, soprattutto a due settimane dal N.

E finalmente quest’anno me ne vò, saluti e baci e vado al caldo, nel nuovo mondo, a mangiar picanha e bere caipirosca, coi parenti acquisiti che suonano le chitarrine, pranzano non prima delle 17, sorridono e ridono tutti, in cui ognuno parla la sua lingua e tutti si capiscono.

Che poi oltre al N. anche il capodanno un po’ mi infastidisce, diciamo pure che mi secca, infatti a volte a sfregio l’ho saltato a piè di pari e sono andata a dormire, con il dito medio alzato. Ma quest’anno seguo un’altra tradizione e tutta vestita di bianco mi tuffo nell’oceano. Tiè!

Annunci

39 pensieri su “Per fortuna non è sempre N.

  1. Ciao Mango… Allora quando dal 16 anche kalosf si sprofonderà nelle fotografie del Natale devo aspettarmi il tuo abbandono (ti prego…no, resisti…che poi a dirla tutta nemmeno io come ho già scritto amo il natale banale e pagano che viviamo…)

    Liked by 1 persona

  2. Da qualche anno mi mette tristezza …poi aggiungi che tra le festività n…izie e il capodanno ci infilo pure il maledetto compleanno, e che in questo mese se va bene lavoro la metà (considerando che lavoro per me stesso, ciò è una iattura), hai un quadro abbastanza preciso del mio umore in questo periodo.

    Liked by 1 persona

  3. rossellas

    Io penso solo alle magnate bevute magnate bevute risate (magnate e bevute l’ho detto?) che mi farò tornando a casa.
    Ah quest’anno i miei regali alla famiglia saranno due capre a due famiglie in Burkina Faso. Insomma che i consumismo se lo mettano dove sanno.
    Certo il vasino supersonico a mio nipote però l’ho preso!

    Liked by 1 persona

  4. Pingback: Chiuso per ferie (?) | m3mango

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...