La mitica rossa

  

Dedicato a Ysingrinus, con cameo a Domenico Mortellaro.

Colgo il brief dell’ottimo Ysingrinus, per provare a scrivere un post di poco conto, su manichini e vestitori di manichini che si eccitano, mentre vestono e svestono quei corpi perfetti, sintetici e senza sesso.

Ero stata assunta parecchi mesi fa, in questa catena di negozi di vestiti low cost, roba che con 59,99 euro ti rifacevi il guardaroba con un discreto stile spazzatura. 

Avevo accettato solo perché mi avevano piazzato nel reparto dell’intimo. Era un pò un mio pallino, la lingerie tutta. Adoravo provarla, spiare i clienti che la indossavano nei camerini, piegarla nei cassetti, infilarla nelle borse dopo gli acquisti, ma soprattutto ciò che mi piaceva di più era avere a che fare con i manichini. Tirarli su di peso, sistemare loro la parrucca, provare le moltitudini di opzioni che solo l’intimo ti dà: slip, tanga, brasiliana, culotte, boxer, mutande, perizoma. Per non parlare dei reggiseni, dei reggipetti, come direbbe il cortese Domenico Mortellaro, che solo loro presentano innumerevoli sfaccettature, con la chiusura dietro, davanti, con il buco sui capezzoli, a fascia, a balconcino, a push up. Sceglievo i colori, i materiali e li vestivo delicatamente, tirando su, un po’ alla volta, lungo le gambe, gli straccetti di stoffa.

Le vendite andavano parecchio bene, ci mettevo tutta la passione e l’impegno che potevo. Giorno dopo giorno, avevo iniziato a dare un nome ai manichini, per riconoscerli e addirittura un carattere. Per cui a quella con i capelli rossi non avrei mai messo un completino basic, ma solo abbinamenti molto sexi e provocanti. Per dare maggiore carattere a questi, che ormai erano quasi diventati i miei colleghi muti, avevo iniziato a dotarli di accessori. Per cui se la mise era particolarmente trasgressiva avevo comprato oggettistica appropriata: una frusta, dei guanti di pelle neri, lunghi fino al gomito, tacchi a spillo, una velina maliziosa da sistemare sul capo. Dopo essere stati con loro tutto il giorno, in un monologo continuo da parte mia, mi ritrovai a sentirne la mancanza la sera e la notte. Vivevo sola e la compagnia di una persona, anche se un manichino, mi avrebbe fatto senz’altro piacere. Per cui una sera decisi di portarmi a casa, di sgamo, la mitica rossa.

Era ingombrante, ma staccando braccia, gambe e testa, ci stava benone nel saccone dell’Ikea.

Ed eccola lì, appoggiata sul mio inutile lettone a due piazze, ricomposta e vestita, anzi opportunamente svestita di tutto punto.

Era bellissima e quasi senza accorgermene, quella notte, mi addormentai di fianco a lei con una mano sul seno e una sulla glabra fica.

Annunci

20 pensieri su “La mitica rossa

  1. Pingback: Criticando | Discussioni concentriche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...